FumettiRecensioni

Kill the Minotaur

0

Gli ateniesi hanno perso la guerra contro Creta. E ora pagano il loro tributo al re Minosse, sacrificando i loro migliori cittadini nel suo misterioso e tremendo labirinto. Ad Atene, però, i cospiratori sono al lavoro e individuano in Teseo l’eroe che potrebbe salvarli e porre fine all’atroce sacrificio. Nessuno, però, ha mai incontrato il selvaggio Minotauro. Nessuno sa quanto possa essere mostruoso e feroce. Nessuno degli ateniesi e nessuno al mondo.

Kill the Minotaur è un’interessantissima rivisitazione del leggendario labirinto di Creta. La storia targata Image Comics è finalmente arrivata in Italia grazie a Saldapress che propone la saga ideata e scritta da Chris Pasetto e Christian Cantamessa in uno splendido volume cartonato a colori.

Come già detto è una rivisitazione molto particolare della classica avventura epica che tutti conoscono. Gli autori hanno deciso di utilizzare ambientazioni e toni più vicini alla fantascienza/horror rendendo la storia più dura e tragica.

post image

Questa rivisitazione poteva essere un’arma a doppio taglio perchè il rischio era quello di cadere nel banale o rovinare la storia originale ma il lavoro del duo Pasetto-Cantamessa si è rivelato geniale e ben costruito. Sulla figura del Minotauro aleggia da subito un alone di mistero perchè è presentato come un mostro assetato di sangue. Nel corso della lettura vi accorgerete che la verità è molto diversa da quello che Minosse, il re di Creta, vuole far credere a tutti. Lui ha un progetto divino in mente e per ottenerlo farà qualsiasi cosa

Uno degli aspetti che più mi hanno colpito è la caratterizzazione di Teseo. Il giovane ateniese non è il classico eroe dei poemi epici sembra quasi non avere i valori che solitamente incarna un vero eroe epico. L’unico scopo che ha nella vita Teseo è quello di compiere qualcosa di unico in modo tale che il suo nome possa essere celebrato e cantato da chiunque. Il principe ateniese è visto visto dai suoi sudditi  come un ricco viziato che si è arreso a Creta.

La bravura dei due sceneggiatori è quella di presentare Teseo in questo modo permettendogli nel corso della storia di redimersi, crescere e diventare un vero eroe.

Gli unici due errori che ho notato nella storia sono una scarsa contestualizzazione iniziale e il finale affrettato. All’inizio della storia non viene spiegato il rapporto tra Atene e Creta ma viene citata più volte una guerra tra le due città dove ad uscirne vincitore è stato Minosse. A mio avviso si crea così un piccolo buco nella storia perchè è proprio al termine della guerra che, probabilmente, viene sancito che Atene debba fornire dei giovani ragazzi in sacrificio al Minotauro.

post image

Per quanto riguarda il finale della storia ho notato che nelle ultime tavole gli autori accelerano improvvisamente e si arriva allo scontro deciso senza la giusta gestione della trama (cosa che fino a quel punto era stata fatta magistralmente).

I disegni di Lukas Ketner e i colori di Jean-Francois Beaulieu sono assolutamente il punto di forza della storia. Una volta entrati nel vivo della storia, ovvero all’interno del labirinto, i due autori si scatenano creando un’atmosfera degna dei migliori film sci-fi/horror.

Colori cupi, disegni crudi, sangue, violenza e paura travolgono la storia. Ketner gioca molto sugli sguardi dei personaggi facendo trasparire alla perfezione la loro paura di morire e la loro totale follia.

Kill the Minotaur si è dimostrata una storia molto interessante e coinvolgente che vi sorprenderà sicuramente.

Giudizio Finale

7

  • Disegni
  • Colori
  • Rivisitazione del concetto di Eroe
  • Manca una breve contestualizzazione iniziale
  • Finale affrettato

Evil Dead 2 #1 – Morte oltre l’alba

Previous article

Il triangolo Daredevil, Netflix e Disney

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.

More in Fumetti