FumettiNews & Focus

Quali sono le migliori serie pubblicate da Renoir Comics?

0

Sarà onesto non seguo tantissimo le pubblicazioni di Renoir Comics ma quando a Cartoomics 2016 ho avuto l’occasione di conoscerli non ho smesso di leggere i loro fumetti.

La casa editrice milanese ha un parco titoli vastissimo che in questi ultime tre anni mi ha sorpreso sempre di più. Ma tre serie in particolare che ho letto in questi ultimi mesi mi hanno colpito tantissimo: Harrow County, The Sixth Gun e Atomic Robo!

Harrow County

In assoluto il miglior titolo che possiate trovare nel catalogo di Renoir Comics, la storia è scritta da Cullen Bunn e disegnata da Tyler Crook.

Sinossi ufficiale:

La piccola Emmy ha sempre saputo che i boschi intorno a lei brulicavano di fantasmi e mostri, gli spiriti infiniti di Harrow County. Il giorno della vigilia del suo diciottesimo compleanno, Emmy capisce di essere intimamente connessa a queste creature e alla terra stessa da legami che non avrebbe mai immaginato.

Questo fumetto horror nasconde in ogni sua pagina un mistero sempre più cupo e crudo che piano piano viene risolto. Sin dal primo numero il ritmo della narrazione è coinvolgente e l’aspetto che più mi ha colpito è stato che noi lettori scopriremo di pari passo a Emmy ogni singolo mistero che avvolge questa storia. Per l’ennesima volta Bunn conferma di essere uno scrittore incredibile ma nonostante la bravura dello sceneggiatore sono i disegni a travolgere totalmente il lettore.

Lo stile Tyler Crook è un qualcosa di incredibile perché riesce con una semplicità mostruosa a creare la giusta tensione e il clima perfetto in ogni singola tavola.

Se siete alla ricerca di una miniserie (se non ricordo male sarà composta da 8 volumi) particolare e intrigante questa fa assolutamente al caso vostro!

The sixth Gun

Cowboy, spiriti maligni, sette di monaci guerrieri, stregoni vudù e zombi. Questa è l’essenza di The Sixth Gun, altra piccola perla di Renoir Comics ma soprattutto altra perla scritta da Cullen Bunn.

Sinossi ufficiale:

Dopo la Guerra Civile americana, il pistolero Drake Sinclair è sulle tracce della pericolosissima arma che spara con la forza di un cannone e richiama gli spiriti dei morti. La cosiddetta “sesta pistola” viene ereditata da una giovane innocente, Becky Moncrief, e una banda di tagliagole, morti da tempo, sorgono dalle tenebre per sottrargliela e completare il set di sei revolver, che conferirebbe loro una potenza sovrannaturale, con nefaste conseguenze per il mondo… Solo Sinclair e Becky si oppongono ai folli piani degli assassini. Ma la pistola ha un destino e un potere inimmaginabili: chiunque la tocchi vi resta legato per sempre e i due protagonisti si trovano coinvolti in incredibili avventure tra questo mondo e quell’altro.

La storia scritta da Cullen Bunn e disegnata da Brian Hurtt è cresciuta esponenzialmente volume dopo volume. E’ un western classico ma con un tocco moderno, unisce i cliché tradizionali del far west alle novità del mistico/fantasy. Il risultato finale è una storia incredibile che divorerete volume dopo volume incantati in particolar modo dai colori e i disegni di Hurtt.

Un gradino sotto Harrow County ma indubbiamente una serie di altissima qualità!

Atomic Robo

Serie a me sconosciuta (e me ne di spiace tanto) fino a pochi mesi fa. Letta praticamente a scatola chiusa, il rischio di essere un flop era altissimo perchè non sapevo assolutamente nulla di questa serie. Invece si è rivelata un’autentica sorpresa perchè la storia ideata da Brian Clevinger e Scott Wegener è un vero portento.

Sinossi ufficiale:

Nel 1923, la carriera del fisico Nikola Tesla sembrava giunta al termine. Fino all’invenzione del robot dall’intelligenza straordinaria… Atomic Robo! Nel 1938, l’automa partecipa a una missione top secret del governo, ottenendo in cambio la cittadinanza americana, quindi fonda la TESLADYNE, un gruppo di scienziati dedito a svelare le stranezze del mondo. Quando un fenomeno inspiegabile minaccia la terra, la sola speranza di salvezza sono Atomic Robo e gli Scienziati d’Azione! Il volume raccoglie la prima miniserie di Atomic Robo, nominata agli Eisner Awards 2008, più alcune storie brevi, il dietro le quinte e materiale preparatorio degli autori, considerati tra le migliori nuove leve del fumetto d’azione americano.

La saga è più longeva rispetto alle altre e per questo potrebbe essere facile pensare che possa avere alti e bassi ma sinceramente non è così. Una saga fatta di soli alti, un crescere e un migliorare continuo!

I Motor1Days saranno la festa per tutti gli appassionati di esport e racing game

Previous article

Spiel des Jahres 2019: Newton tra i papabili vincitori!

Next article

Comments

Comments are closed.