Alice per sempre

Sequel di Alice nel Paese delle Meraviglie e Attraverso lo specchio, scritto e disegnato da Dan Panosian (Spawn, The Uncanny X-men, Wolverine) con Giorgio Spalletta (Orfani: Sam, Caput Mundi), Alice per sempre ci racconta di come possa essere pericoloso seguire il Bianconiglio fin nella sua tana.

Quì siamo tutti matti…

Una Londra vittoriana oscura e schiacciante, una famiglia quasi totalmente anaffettiva, qualche rotella fuori posto ed il gioco è fatto…il mix perfetto è creato! Alice sente la mancanza e la necessità di andare a trovare sempre più spesso i suoi amici nel Paese delle Meraviglie, utilizzando ogni mezzo per assecondare questa sua necessità…ma a quale prezzo? Capisce che l’unico modo per raggiungerli è fare uso di farmaci e droghe e sfruttando la sua amicizia con Morton, inserviente dell’ospedale del Sacro Cuore, si rimedia le “caramelle magiche” tanto desiderate. Morton non è un tipo raccomandabile, cosa che si evince già dal fatto che rubi medicine dalle scorte ospedaliere per rivenderle clandestinamente all’esterno, di conseguenza il giro di persone che ha intorno non è dei migliori, per questo una sera, dopo aver finito la vendita di “caramelle” ad Alice, viene pugnalato da dei criminali per colpa di debiti mai saldati ma solo rimandati. Ora Alice come farà ad andare dal Brucaliffo e dal Cappellaio Matto?

Io sono matto. Tu sei matta…

Alice finisce le sue scorte di “caramelle“, così prende la drastica decisione di farsi internare in un sanatorio, in modo d’avere una scorta pressocchè illimitata di psicofarmaci e droghe varie…ma la situazione non è così semplice! La nostra protagonista si trova ad affrontare violenze senza fine, con la famiglia che dall’esterno di certo non le da man forte anzi, cercano in tutti i modi di lasciarla nella sua pazzia all’interno di quelle mura intrise di disperazione. Ma lo scopo di Alice è raggiunto: va e viene dal Paese delle Meraviglie, rivedendo spesso il Brucaliffo, il Cappellaio Matto, il Bianconiglio, tutti con i segni indelebili del tempo che passa ovviamente. Ma la cattiva Regina di Cuori? Nel Paese delle Meraviglie ovviamente non c’è più, ma nel mondo reale ha preso le sembianze della direttrice della struttura, Hulda, donna senza scrupoli assetata di denaro e potere. Da lei e dai suoi due scagnozzi, Theodore e Thomas, Alice subirà ogni tipo di violenza, fisica e psichica, per tutta la durata della sua permanenza all’interno della struttura, ma all’esterno c’è ancora qualcuno che tiene a lei…sua sorella Edith e Earl Proud, gentile ciambellano della città! Riusciranno i due a salvare Alice da questa situazione?

Spazio all'autore: Storia molto diversa dalla classica di Alice, senza grandissimi colpi di scena ma che intrattiene fino all'ultima pagina. Non che mi aspettassi un capolavoro, ma se siete curiosi come me, non ve ne pentirete assolutamente. Andrea – Nerdology_ITA

7
von 10
2023-10-21T16:00:00+0000
Torna in alto