Willow – La serie – Episodio 3 – Recensione

Dopo il doppio episodio premiere di settimana scorsa, è uscita ieri, sempre su Disney+, la terza puntata di Willow, omonima serie del film cult degli anni’80, se ancora non avete deciso di guardarlo, potete sempre recuperare la nostra recensione con spoiler QUI. Come ogni settimana, invece, la recensione della nuova puntata intitolata “La battaglia dell’agnello sgozzato” sarà senza spoiler.

Sceneggiatura e regia

La sceneggiatura del terzo episodio è stata affidata alla coppia Wendy Mericle e John Bickerstaff, la prima conosciuta soprattutto per essere stata la numero 2 di Greg Berlanti per lungo tempo nella serie CW di Arrow, il secondo invece è un giovane volto nel panorama seriale, con ruoli soprattutto di assistente alla produzione.

La regista del terzo episodio è, invece, Debs Paterson, che ha diretto alcuni episodi della serie tv Halo, ma nella famiglia Lucasfilm è nota come la regista del making of di L’ascesa di Skywalker.

Trattasi, quindi, come spesso accade nelle serie, di seconde linee rispetto agli autori e registi del pilot, ma comunque la qualità produttiva generale non ne ha risentito troppo, tranne forse in una scelta verso la metà della puntata. In quello specifico momento una scelta di un protagonista peggiora la situazione, anziché migliorarla, mente la preparazione del gesto sembrava andare in tutt’altra direzione.

La storia - un tono più dark

La narrazione riprende dove l’avevamo lasciata la scorsa settimana con i primi due episodi (potete trovate la recensione senza spoiler QUI).

I nostri eroi, tra i primi scricchiolii della compagnia devono risolvere il problema creatosi nel finale della scorsa puntata, risoluzione che occuperà praticamente tutto l’episodio. Nonostante la puntata si riveli ancora ricca di momenti ironici, si riesce molto di più a giocare con i sentimenti dello spettatore, regalando anche momenti più tristi rispetto alla premiere. In generale ci troviamo di fronte ad un chiaro stacco, anche soltanto meramente visivo, rispetto a settimana scorsa, i toni diventano molto più dark, con una fotografia più scura, ma soprattutto un cambio di ambientazione. Le verdi e rigogliose pianure, infatti, lasciano spazio ad oscure montagne, che non promettono niente di buono per il prosieguo della storia.

Il comparto tecnico - luci ed ombre

Sotto questo aspetto in questa puntata si viaggia a due velocità, molto più performanti le scene al buio rispetto a quelle alla luce del sole, per fortuna il cambio di tono della serie potrebbe aiutare sotto questo aspetto. Apprezzabile il voler aggiungere, in una puntata volta più agli aspetti umani delle vicenda, una nuova creatura, ma la resa è stata molto posticcia, anche se non è da escludere, che l’effetto “mostriciattolo anni ‘80” sia voluto.

Qualche problema si è avuto anche con il trucco prosterico applicato su alcuni personaggi, un po’ troppo visibile, anche se è da apprezzare che si modifichi con il proseguimento delle vicende, più interessanti gli aspetti magici, anche se ancora si è visto troppo poco per giudicare.

Considerazioni finali

Questa terza puntata non va molto oltre, a livello di trama rispetto alle prime due, ma sembra dare un punto di svolta più oscuro alla trattazione, giocando anche con i sentimenti sia dei personaggi che dello spettatore. Il finale non lascia presagire nulla di buono per i protagonisti, ma sicuramente è di difficile interpretazione, la prossima settimana può accadere veramente di tutto, visto che, questi primi tre episodi, si possono quasi considerare come un unico arco narrativo giunto a conclusione.

VOTO: 6.5

Spazio all'autore

Questa terza puntata mi ha soddisfatto meno rispetto alle due precedenti, anche se resto molto fiducioso sul prosieguo della stagione. Il soggetto rimane comunque solido, ho apprezzato la svolta dark e qualche personaggio dopo questa puntata risulta molto più interessante. Settimana prossima saremo già a metà stagione e mi aspetto nuove rivelazioni che rilancino la trama per condurci fino al finale.

Mattia - Fidia Nerd
Mattia - Fidia Nerd
Articoli: 15